ITA   ENG
home rimedi lassativi pilloleitalia.net recensioni di erbe Vaporizzatori
Progetto
pubblicato il 04.06.2013

Redazione del Progetto di Valorizzazione Commerciale (PVC) del centro storico di Savignano s. Rubicone

Scopo: Mettere a punto un piano di sviluppo integrato che avesse un’ottica di medio lungo periodo sotto il profilo organizzativo e promozionale, e che potesse attingere a finanziamenti a vari livelli
Anno: anni 2002 - 2003 - 2005

L’Amministrazione Comunale di Savignano sul Rubicone ha sviluppato insieme a Sincron Polis, nel triennio 2002-2003-2005, il PVC (Progetto di Valorizzazione Commerciale) del proprio centro storico.

L’avvio, nell’autunno 2001, è stato collegato a due elementi fondamentali:

  1. Raccolta di dati e informazioni di prima mano sulla domanda e sull’offerta, per affrontare da subito un punto debole classico del centro storico rispetto alla grande distribuzione: mancanza o carenza di un sistema monitoraggio del proprio cliente attuale e potenziale, che possa razionalizzare le scelte. Il sistema di monitoraggio è stato formato dai seguenti elementi:
  • Intervista ad un campione di operatori commerciali del comune, per verificare il loro rapporto con il tessuto urbano;
  • Intervista telefonica ad un campione di famiglie, per rilevare la percezione e gli effettivi comportamenti della domanda;
  • Colloqui con alcuni testimoni privilegiati delle attività e delle funzioni del centro storico di Savignano, per raccogliere riflessioni, opinioni e proiezioni fortemente radicate, in positivo o in negativo, tra gli addetti ai lavori.
  1. Definizione di un calendario di incontri di divulgazione pubblica dei risultati del punto 1, in un più ampio contesto di comunicazione dell’avvio del Progetto di Valorizzazione Commerciale.

A seguire, nella primavera 2002 si è svolta la seconda fase:

  1. Approfondimenti con i portatori di interessi locali, con particolare riferimento alle Associazioni di categoria e agli operatori del centro storico interessati, e costituzione di un tavolo di concertazione sui temi dello sviluppo urbano;
  2. Definizione dei contenuti ed espletamento delle formalità necessarie per la costituzione di una Associazione Temporanea di Area tra gli operatori ubicati in centro, richiesta dalla normativa e necessaria come nuovo interlocutore e come soggetto giuridico in grado di svolgere compiti statutari e di gestire investimenti e finanziamenti;
  3. Redazione del PVC 2002, e presentazione nei tempi utili alla richiesta di finanziamenti ex legge regionale 41/97 e 14/99.

L’anno seguente ci si è concentrati essenzialmente sullo svolgimento dei contenuti della seconda fase citata, per poi sospendere temporaneamente gli approfondimenti, anche in concomitanza con la scadenza elettorale che ha rinnovato la Giunta.

Nell’ultimo trimestre del 2004 il lavoro ha ripreso con rinnovato vigore e con una nuova impostazione.

Per il PVC 2004/2005, il proponimento è stato quello di proporre un approccio più dilazionato nel tempo, ma anche maggiormente orientato alla operatività di marketing territoriale, che potesse garantire un salto di qualità nella progettualità e in particolare potesse fare leva sui seguenti aspetti:

  1. emersione delle potenzialità ancora latenti rappresentate dal Nucleo di Management, impostando il confronto e la concertazione su un calendario di approfondimenti a iniziare dalla ultima parte del 2004; è stato concordato lo svolgimento di circa un incontro mensile, per un totale di circa 8 incontri entro giugno 2005, buona parte dei quali orientati ad approfondimenti tematici;
     
  2. individuazione e articolazione, di comune accordo con i portatori di interessi, di un pacchetto di investimenti privati che potessero contribuire a fornire una maggiore identità al centro storico di Savignano e alle sue imprese;
     
  3. Elaborazione, sempre nell’ambito del Nucleo di Management, di una serie di ipotesi di coinvolgimento mirato dell’Associazione Temporanea nella vita del centro storico, esplorando in questo senso le opportunità di maggiore realizzazione degli scopi statutari;
     
  4. Approfondimenti sul fronte interno del Piano delle Opere e delle risultanze del tavolo di concertazione per definire gli investimenti pubblici da inserire nel PVC;
     
  5. Valutazione dei contenuti del PRG per quanto concerne il Centro Storico e l’area PVC, per identificare possibili correttivi da porre a salvaguardia del tessuto economico;
     
  6. Approfondimenti sugli immobili dell’area PVC, per monitorare i costi attuali di affitto e le cause sottostanti la presenza di eventuali locali sfitti;
     
  7. verifica e contestualizzazione di indicatori quantitativi e qualitativi disponibili sullo “stato di salute” del centro storico cittadino;
     
  8. ridefinizione, tenuto conto del ciclo di vita delle attività Produttive e delle condizioni di assetto del territorio urbanizzato, della nuova perimetrazione territoriale del PVC;
     
  9. messa a punto di un prontuario di indicazioni, suggerimenti, attività ecc. che potesse costituire un riferimento di base per la discussione tecnica entro il tavolo di concertazione, che potesse fungere da sostegno per il previsto “Concorso di Idee” sul centro storico, e che potesse diventare una vera e propria implementazione del Piano Marketing territoriale;
     
  10. Redazione della relazione tecnica del PVC, che ha accompagnato la presentazione della documentazione in Provincia di Forlì Cesena allo scopo di ottenere i finanziamenti dedicati e ha costituito il riferimento per il lavoro a breve e medio termine del Nucleo di Management;
     
  11. Redazione parallela di regolamenti di settore che prendessero spunto dalle direttrici di azione del PVC e contribuissero fattivamente alla sua realizzazione. In particolare, nel corso dei primi mesi del 2005 sono stati approntati i Criteri Comunali di Programmazione per il rilascio delle autorizzazioni degli esercizi di somministrazione alimenti e bevande.
Splash image